Pin It

Dal Consigliere Provinciale Tommaso Coletti riceviamo e pubblichiamo

Trenta milioni mediamente in cassa da oltre tre anni  e provincia con problemi

Se quanto riportato dalla stampa di ieri corrisponde al pensiero di Enrico Di Giuseppantonio, dichiara Tommaso Coletti  ex  Presidente della Provincia ed oggi consigliere di minoranza del PD, devo dedurre che l’attuale Presidente durante i Consigli Provinciali è presente solo con il corpo, mentre con la mente passeggia nei corridoi dei palazzi romani dove da una vita spera di poter accedere come inquilino.

Nella seduta del 28 agosto scorso, durante la discussione della deliberazione  relativa all’approvazione del conto consuntivo 2011, portato in aula con 5 mesi di ritardo con tutte le conseguenze di carattere amministrativo, il Consiglio Provinciale ha approvato, all’unanimità, un emendamento presentato dal Consigliere Coletti, con il quale si è deciso di costituire una commissione snella formata da tre persone, dallo stesso Coletti, dal Presidente della Commissione Bilancio, Fioriti e dall’assessore al Bilancio,Monaco, con l’intento di attuare, alla presenza e con la collaborazione dei dirigenti dei vari settori, una verifica puntuale dei residui attivi e passivi dell’Ente, stante la Cassa presso il tesoriere costantemente e fortemente in attivo.

Una cassa costante di circa trenta milioni di Euro nonostante le spese che necessariamente l’Ente deve effettuare  per la gestione corrente, dichiara Coletti, insieme a dei residui passivi di circa 128 milioni di euro  ormai non più tutti utilizzabili, a fronte di circa 105 milioni di euro di residui attivi che devono essere verificati, fa pensare che l’Ente,  sotto l’aspetto contabile , è in equilibrio  ed in buona salute, nonostante i dati di bilancio portano per tre anni consecutivi del disavanzo di gestione. Una rapida e puntuale verifica dei residui passivi ed attivi dell’Ente, continua Coletti, potrebbe riservare delle sorprese anche positive per l’amministrazione.

Questo ha deciso all’unanimità il Consiglio Provinciale, anche con il voto di Di Giuseppantonio.  Anche i consiglieri di maggioranza, contrariamente a quanto riportato dalla stampa di ieri, hanno votato l’emendamento e sono  stati daccordo alla nomina della commissione proprio sulla scorta delle perplessità derivanti dalla contraddittorietà dei numeri. Soldi in cassa e provincia in fallimento! Qualcosa non va!  Secondo Coletti il mistero sarà svelato con la  verifica dei residui.

Naturalmente, aggiunge Coletti, approfitto della circostanza per sollecitare la immediata riunione della commissione e per rinviare al mittente le fandonie raccontate sulla gestione del governo provinciale da me presieduto.

Dopo quasi quattro anni di inerzia dell’amministrazione Di Giuseppantonio, i cittadini del nostro territorio sanno benissimo distinguere capacità e responsabilità.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna