Pin It

Al Divino Amore di Roma Alfredo Paglione inaugura un monumento a Giovanni Paolo II

Nuova iniziativa del mecenate nativo di Tornareccio, in ricordo della moglie Teresita Olivares.

Domani la solenne inaugurazione del mosaico “Roccia della Chiesa” con il cardinale Angelo Comastri e i Vescovi Ordinari Militari di tutto il mondo

Un mosaico in onore del Beato Giovanni Paolo II, davanti al nuovo Santuario del Divino Amore a Roma.

Dopo quello realizzato per Tornareccio sempre in onore di Karol Woytjla, dal titolo “L’adorazione della croce”, che verrà installato l’anno prossimo nel piccolo borgo in provincia di Chieti, il noto mecenate Alfredo Paglione, nativo proprio di Tornareccio, ha voluto onorare il “santuario dei romani” con un’altra opera musiva dedicata al grande pontefice, e donata in memoria della compianta moglie di Alfredo, Teresita Olivares Paglione: “Roccia della Chiesa” è il titolo dell’opera dipinta dal pittore Luca Vernizzi, e trasformata in mosaico dal Gruppo Mosaicisti di Ravenna di Marco Santi.

Il monumento in mosaico verrà inaugurato domani, sabato 22 ottobre, alle ore 17.00 presso il Santuario del Divino Amore a Roma con una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Angelo Comastri, Arciprete della Patriarcale Basilica di San Pietro in Vaticano.

Renderanno omaggio al Beato Giovanni Paolo II i Vescovi Ordinari Militari di tutto il mondo.

Dopo la cerimonia si svolgerà presso l’Auditorium del Santuario un concerto della Banda del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana aperto al pubblico.

“Il Santo Padre Benedetto XVI – spiega Alfredo Paglione - durante la solenne Cerimonia di Beatificazione di Giovanni Paolo II definisce il suo predecessore “Roccia di Virtù, Roccia della Chiesa”.

Proprio da questa definizione parte lo sviluppo del monumento di Luca Vernizzi al Beato.

Uno straordinario, quanto raffinato e delicato ritratto di Giovanni Paolo II che porge un fiore alla Madonna del Divino Amore protettrice di Roma: icona cui i romani, il 4 giugno del 1944, quando le truppe alleate stavano per lanciare l’attacco decisivo sulla capitale occupata dai tedeschi, invocarono la salvezza della città eterna.

Nel Santuario Mariano del Divino Amore, dove egli si è recato per ben tre volte durante il suo pontificato, dal 22 di ottobre - proprio nello spazio dove egli atterrò con l’elicottero papale - il monumento “Roccia della Chiesa” accoglierà i devoti del Santuario caro a tutti i romani, e i pellegrini provenienti da ogni parte del mondo.

Tornareccio – conclude – in qualche modo ha anticipato questo evento, presentando lo splendido mosaico “L’adorazione della croce” che andrà ad aprire la via crucis di mosaici che verrà inaugurata l’anno prossimo”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna