Stampa
Visite: 529

Ridotti oneri  a comuni e cittadini su sanzioni sanitarie

Il consiglio regionale abruzzese ha di recente approvato un emendamento, a firma Ruffini e Verì, che modifica la legge regionale n.47/1984 recante ''Norme per l'applicazione delle sanzioni amministrative in materia sanitaria'' la quale demandava al sindaco numerosi obblighi derivanti dall'irrogazione per sanzioni amministrative pecuniarie a causa della violazioni alle leggi sanitarie.

Lo comunica in una nota lo stesso Claudio Ruffini  sottolineando che ''con l'emendamento approvato abbiamo alleggerito e sgravato la posizione del sindaco, riportando tutti gli adempimenti previsti dalla L.R. n.47/1984 in capo al Direttore generale della Asl competente.

Trattandosi di multe in materia sanitaria - prosegue il consigliere - abbiamo pensato che la struttura amministrativa competente e meglio deputata fosse quella delle Asl.

Al contrario finora gli uffici comunali ed il sindaco erano costretti a farsi carico di una grossa mole di lavoro con adempimenti svolti con difficoltà ed in alcuni casi gli stessi Enti erano costretti a rivolgersi a personale esterno non avendo adeguate figure professionali interne''.

Questa modifica aiuterà il lavoro dei comuni e degli uffici comunali, ''sburocrattizzando'' e snellendo adempimenti amministrativi che pesavano sui cittadini.

''E' un piccolo risultato - aggiunge Ruffini - abbiamo migliorato una disposizione di legge ferma al 1984 che prevedeva numerosi passaggi tra amministrazioni diverse''.