Pin It

Le prime linee del silenzio

di Tullio Parlante

Con le fusioni bancarie, si è rimescolato molto della storia individuale di ogni singola banca, che, della visione del proprio essere banca, poneva in essere quelle caratteristiche di potenzialità oggettiva come espressione trainante di quell'economia locale che diventava parte integrante del concetto di banca.

Il territorio si identificava con quello spazio economico che rappresentava l'essenza del concetto di sviluppo creativo laddove la creazione di possibilità monetaria permetteva il miglioramento socio/culturale di una buona fetta di professioni che, senza questo aiuto, non riuscivano ad emergere se la banca stessa non faceva da volano a tutta l'economia locale.

È talmente vero l'impostazione della banca del territorio che non deve farci dimenticare che dietro tutto ciò ci sono le persone, gli uomini e le donne - dipendenti di queste banche - che sono la massa muscolare, il motore trainante di questa piccola e media impresa, come valore aggiunto al reale sviluppo economico di quelle micro e medie attività del territorio.

I bancari, non banchieri.

Perché i primi sono quelli che, sempre con un sorriso di grande disponibilità, accolgono tra le proprie spire effettive/economico chiunque ha la necessità di avere un supporto tecnico laddove il bisogno di un intervento monetario necessita di fattiva approvazione della richiesta in oggetto.

I secondi, sono coloro i quali rappresentano tutto il sistema banca nella completezza totale e reale dell'esistenza stessa di una filiale di banca.

Tuttavia, pur nella considerazione dell'importanza che ha la banca, non possiamo non fare una considerazione oggettiva nel dare il giusto riconoscimento educativo/culturale/professionale alla Signora Rossella Subranni e alla Signora Valentina Marino entrambe dipendenti della filiale della banca BPER di Chieti alta, insieme a una nota di merito professionale al Signor Ezio Novelli della stessa banca, in servizio presso la filiale di Chieti scalo.

Tutti gli operatori del credito sarebbero da citare, se non altro per la loro grande competenza professionale e istituzionale, ma ne ho menzionato solo tre perché sono le prime linee di contatto amministrativo che trova la mia presenza fisica all'interno dell'istituto bancario laddove spesso ho la necessità di fare delle operazioni.

La grande qualità umana che si riscontra nel momento del bisogno, quindi nella ricerca/richiesta di un aiuto economico, diventa motivo di orgoglio da parte di chi gestisce le risorse umane della BPER che, certamente, nella ricerca del personale valuta profondamente anche l'assetto psicologico di ogni individuo, che insieme a quella professionale, fa sì che l'ottenimento di un grande risultato sia sotto gli occhi di tutti. 

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna