Stampa
Visite: 661

Il dinamismo di “Noi con Salvini”

di Tullio Parlante

Il pomeriggio del 30 settembre presso la struttura Comunale "Sala Wojtyla" in Manoppello Scalo si è tenuto l'atteso incontro  con le famiglie, calendarizzato dalla nuova rappresentanza politica locale di "Noi con Salvini" tenuta dal relatore e coordinatore comunale Dr. Daniele Parlante.

L' aspettativa di presenza da parte del pubblico - pur avendo data la giusta rilevanza all'incontro - è stata al di sotto delle aspettative.

Probabilmente, questo nuovo modello politico affacciatosi su un territorio a forte presenza di centrosinistra non ha contribuito a far comprendere alla collettività che i giovani - indipendentemente dall' appartenenza politica - hanno diritto di essere ascoltati.

Ciò nonostante, i presenti comunque hanno portato delle domande riguardante la scuola. Caposaldo del problema di Manoppello bassa rispetto al non problema che vivono gli abitanti del centro storico.

Domande a cui il coordinatore ha dato significative risposte, impegnandosi - oltre a capire la radice dei problemi - a intervenire laddove esistono dialettiche politiche amministrative atte a cercare la risoluzione dei vari problemi.

La grande novità territoriale di questa nuova ondata di giovani che cercano di migliorare - laddove ce da porre in essere un'aggiunta positiva alla ri-soluzione di vari modelli di malcontento popolare derivanti da un vecchio modo   di fare politica -  la qualità della vita del proprio territorio, deve o dovrebbe essere un valore aggiunto a ciò che senza interesse alcuno, se non quello della propria città, si mettono a disposizione della propria collettività.

Nella ristrettezza umana della sala, le domande e le risposte sono state contemporaneamente esaustive.

Tuttavia, il dato rilevante  - di questo primo approccio con la cittadinanza - è stato quello  della costanza da parte del coordinatore, nel dare sempre le dovute, certe, e semplici risposte ai vari quesiti posti.

Nell'analisi della serata non si può non evidenziare la forza di volontà messa in campo dal coordinatore Parlante nella capacità di riuscire a colmare un vuoto politico che - certamente - a questa realtà mancava.

Il non cercare di capire, da parte di chi in politica non vede al di la del proprio naso, che le novità vanno sempre ascoltate, denota un atteggiamento mellifluo da parte di tutti quelli che nella novità politica vedono un aberrazione che potrebbe andare a togliere qualcosa dal proprio orticello.

Questo vecchio e arrugginito modo di fare politica ci ha portato a questo tracollo di false ideologie di rappresentanze che ci hanno solo allontanato dalle urne, ovvero, ci allontanano ancora di più da chi è convinto che esiste ancora della buona politica, e non cerca altro che poterlo fare nel rispetto delle regole democratiche pensando solo ed esclusivamente al bene del proprio territorio.

Questi sono i giovani che meritano- quantomeno - di essere ascoltati, se non altro per poter poi decidere diversamente se questo modello di "nuova" politica viaggia a braccetto con il modello di quella vecchia politica.

Altra considerazione non meno importante riguarda la preparazione di questi nuovi rappresentanti delle future istituzioni locali e non.

Considerazione finale di questa nuova comunicazione politica, riguarda altri incontri che si terranno  il 30 ottobre e presumibilmente verso la fine di novembre 2015 con la formula "OPEN DAY"  giornata aperta alla cittadinanza dalle ore 14,30 alle ore 19,00.