Stampa
Visite: 843

Venerdì 16 settembre conferenza stampa per la riapertura della scala mobile a Chieti.

Interviste, giornalisti, televisioni, tutto per immortalare l'evento.

Ringraziamenti del sindaco e dell'assessore Colantonio alla ditta esecutrice dei lavori, giustificazione per il ritardo, denuncia della mancata manutenzione della scala mobile alla ditta appaltatrice, pur avendo incassato i soldi.

Anch'io ho voluto essere partecipe all'inaugurazione con l'articolo:Tutto è bene quel che finisce bene soddisfatto che, finalmente, la cittadinanza avrebbe sofferto meno per raggiungere la città. Il direttore dei lavori Gianfranco di Giovanni aveva dato sicurezza sulla funzionalità dell'impianto, anzi altre opere di manutenzione sarebbero state eseguite di notte.

Tutti felici, tutti contenti.

Trascorrono pochi giorni ed ecco la novità, il consigliere Alessandro Marzoli, martedì 20 settembre effettua una visita e scopre che la scala funziona. " a mezzo servizio"!

Stupito della notizia, questa mattina 21 settembre, incredulo, vado a verificare.

La scala mobile funziona solo IN SALITA.

Meno male, almeno le persone più deboli possono fare meno fatica!

A scendere ci si arrangia!

Chi sceglie la scala in ferro e chi il nastro trasportatore fermo!

Cittadini arrabbiati, hanno ragione!

Poi, quei rumori cigolanti che il complesso emana, a detta del direttore dei lavori si sarebbero risolti con il funzionamento del nastro, sono aumentati di intensità.

Una riflessione sul “cambio scala” la devo fare!

E' strano che la prima rampa inferiore destra della scala è bloccata.

Funziona la rampa di sinistra.

Arrivati al primo tronco, bisogna cambiare rampa.

Il lato destro funziona, mentre il lato sinistro è bloccato.

Cosa significa che tutte e due le rampe intere, in salita e discesa, hanno bisogno di manutenzione?

Cosa è successo dopo due giorni di funzionamento?

600 mila euro investiti per il recupero della scala mobile non sono pochi!

Si è cercato di recuperare il NON RECUPRABILE, mettendo dell'olio....?

Senza dubbio, cari amministratori e ditta esecutrice dei lavori, avete fatto UNA BELLA FIGURA!

Luciano Pellegrini