Pin It

Il Kiwanis Club Pescara Aternum, la cui nascita data al 9 aprile 2011 presso l’hotel Carlton di Pescara, ha qui tenuto il 9 settembre una interessantissima conferenza su D’Annunzio e la 1a Guerra mondiale.

Il relatore, Colonnello dell’Aeronautica Bartolomeo Di Pinto, ha intrattenuto i soci e gli ospiti assai numerosi in un campo di interesse insolito ed intrigante. Infatti, Gabriele D’Annunzio, nato a Pescara e poeta scrittore, giornalista, uomo di cultura e di filosofie esoteriche, esteta e molto altro, è stato anche un eroe di guerra, e ciò era abbastanza noto, ma anche un esperto di aereonautica, di motori, di aerodinamica, consigliere del Corpo Aviatorio Italiano dei primordi, radicato dapprima nella Real Marina.

Egli era un esperto navigatore, oltre che capace di pilotaggio, e guidò, assiso sul fronte del suo Caproni, un nutrito stormo di aerei sul Cattaro, ai fini di un efficace bombardamento, ma anche su Vienna, per la diffusione di migliaia di volantini inneggianti all’Italia ed alla sua certa vittoria.

Gli austriaci e soprattutto i loro corpi militari fecero, proprio loro, onore a D’Annunzio considerandolo un uomo di grande coraggio ed un vero e proprio eroe.

E’ stato sorprendente,comunque, apprendere che il nostro poeta nazionale, figlio di Pescara, era un uomo capace di progettare, consigliare, migliorare sistemi di navigazione aerea, studiare congegni per migliorare il rendimento e la sicurezza dei motori d’aereo, sganciare le bombe, ecc...

E, inoltre, egli era di una impareggiabile precisione ed ardimento, sperimentando in proprio, sulla sua pelle, ogni suo congegno meccanico.

La magnifica ricostruzione è stata vieppiù efficace grazie e filmati d’epoca assai rari, e forse mai visti prima, che il Col. Bartolomeo Di Pinto, assieme a suoi vari collaboratori (ricordiamo il Dott. Italo D’Andrea) è riuscito a condensare in un inedito CD.

Egli, peraltro, con Maria Teresa Iovacchini, ha scritto il libro”Pescara e il Volo”, reperibile presso l’editrice la Stampa dei F.lli Surricchio.

Il libro è anche giusto ricordo di quanto l’Ing. Corradino D’Ascanio, di Popoli, aveva saputo progettare in Italia.

Si ricordi il primo elicottero e lo scooter poi costruito, con il nome Vespa, dalla Piaggio. Il libro è altresì ricco di foto assai inedite.

Il K.C. Aternum ha così celebrato anche le Glorie di una antica Pescara.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna