Stampa
Visite: 1439

Arrogante il ritiro di D'Alfonso, gli abruzzesi devono potersi esprimere

Noi con Salvini Abruzzo, preso atto del parere della Corte costituzionale sull'ammissibilità quesito referendario riguardante la durata delle autorizzazioni già rilasciate per le trivellazioni, chiede al presidente Luciano D'Alfonso chiarimenti riguardo il ritiro, in extremis, della partecipazione della regione Abruzzo al processo di richiesta dello stesso.

Ci chiediamo il motivo per cui il presidente non voglia dare la possibilità ai cittadini di esprimere la propria opinione.

Il tema non riguarda solo Ombrina, problema che la legge di stabilità avrebbe superato, ma tutte le piattaforme esistenti entro le 12 miglia dalla costa i cui titoli autorizzativi sono in scadenza.

Siamo dunque dinanzi ad un problema, con significativi riflessi sul turismo e sull’ambiente, sul quale non possono essere solo le istituzioni a decidere.

Perchè tra dieci governatori D’Alfonso è stato l'unico a sfilarsi?

Qual è la differenza rispetto alle altre Regioni aderenti che lo ha portato a questa decisione scavalcando, per altro, persino il suo consiglio regionale?