Stampa
Visite: 605

Confindustria, bene tavolo solo tecnico di Barca

''La ricostruzione non deve essere inficiata o rallentata dagli antagonismi politici.

E' ora di abbassare i toni del confronto ed alzare il livello del dibattito. Sono passati ormai piu' di tre anni dal sisma e quella che doveva essere un'opportunita' di rinascita per il nostro territorio sta invece rischiando di portarci al tracollo''.

Lo sostiene Alessandra Rossi, delegata alla Ricostruzione di Confindustria L'Aquila. ''Quale sia la situazione attuale e' palese - osserva - i Comuni del cratere non sono nelle condizioni neanche di adempiere alle rendicontazioni in tempi ragionevoli, senza le quali le imprese sono paralizzate, e risulta urgente provvedere ad un'organizzazione specificatamente orientata alla sburocratizzazione delle procedure destinate alla ricostruzione''.

''E la realta' - aggiunge - sara' tanto piu' delicata all'indomani del ritorno alla gestione ordinaria, perche' una volta terminata la fase commissariale e, con essa, quella straordinaria, si rischiano caos e paralisi''.

Per questo, la Rossi registra con favore ''l'annuncio del ministro per la Coesione territoriale, Fabrizio Barca - lo scorso 23 maggio per voce del suo Capo di Gabinetto Alfonso Celotto - di voler istituire un tavolo tecnico di lavoro permanente a giugno, quindi adesso, al quale debbano partecipare tutti gli attori interessati alla ricostruzione e cioe' rappresentanti dei Comuni del cratere, delle associazioni di categoria e degli ordini professionali, cosi' come Confindustria chiede da oltre un anno''.

''La circostanza piu' importante, pero' - sottolinea - sta nella nostra ferma convinzione non solo che al tavolo debba sedere un tecnico nominato dal Governo, ma che lo stesso sia di stanza all'Aquila e metta in moto una macchina semplice ed efficiente tale da coordinare tutte le operazioni necessarie a snellire ed accelerare le procedure''.

''Il tavolo, proprio perche' operativo - conclude la Rossi - deve essere costituito solo da tecnici coordinati e indirizzati dall'attivita' vigile e attenta di un delegato del Governo''. www.asca.it