Pin It

Riceviamo e pubblichiamo

Proporzionalità per le donne nel lavoro.

 “Una donna in Italia continua a prendere 1/5 in meno rispetto a un uomo, anche in casi di ruoli simili; afferma in una nota il SINALP di Teramo.

 

Ovvio, c'è il  precariato: i contratti atipici, nei quali si concentrano donne e giovani, rappresentano per il datore di lavoro un'ennesima riduzione delle garanzie dei lavoratori perché in caso di necessità di ridimensionamento dell’attività produttiva fanno scattare automaticamente il licenziamento.

Il concetto di quota rosa sembrerebbe un concetto del 19° secolo, ma  per il SINALP di Teramo (Confederazione sindacale autonoma dei lavoratori e dei pensionati).

I tempi sembrerebbero  maturi per proporre di applicare criteri di proporzionalità di genere rispetto alla composizione di ogni livello professionale, quindi anche, e sopratutto, quello dirigenziale praticamente precluso alle donne d'Abruzzo e della provincia di Teramo nell'ambito privato e bancario in special modo.

E' qui che possiamo tirare fuori il fascicolo  della Tercas, la Cassa di risparmio di Teramo,  e della relativa Fondazione, che rappresenta uno dei fiori all'occhiello del territorio teramano e che attraverso la propria capacità di espansione in molte altre regioni ha dato un grande segnale di crescita economica e culturale.

Tuttavia non si riesce a capire come mai per le nomine politiche i consigli d'amministrazione sono partecipati anche da donne, mentre per il ruolo operativo, disciplinato da un rapporto di subordinazione, la presenza delle donna nei ruoli di dirigenza è pari a zero. Viene da pensare che sulle pari opportunità servano solo e esclusivamente per la collocazione della casta politica, dunque doppia discriminazione.

Possibile che in Tercas proprio nessun'altra donna , neanche una di quelle fuori dai giri , meriti la promozione o la nomina di dirigente ? Possibile che le altre organizzazioni sindacali, anch'esse, non abbiano colto questa diseguaglianza ? Che cosa avviene per i quadri e le altre categorie ?

Il nuovo direttore Dario Pilla saprà cogliere questa diseguaglianza e porvi rimedio?"

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna