Pin It

Scelte coraggiose per una regione moderna e competitiva

''Il 2012 deve essere l'anno in cui dalle difficoltà va tratta la forza per completare il processo riformatore e raggiungere risultati concreti per rendere l'Abruzzo più moderno e competitivo''.

E' l'esortazione del segretario generale Cisl Abruzzo, Maurizio Spina, che suggerisce: ''Di fronte all'eccezionalità della situazione, confermiamo l'urgenza e la necessità che una parte del patrimonio pubblico e del demanio venga dismesso e che le risorse recuperate siano destinate all'occupazione e all'economia''.

''La Regione - asserisce - deve tornare ad essere pienamente un Ente di programmazione e di controllo, lasciando agli Enti e alle Società esistenti, opportunamente riorganizzati, la piena autonomia, ma garantire un continuo controllo della gestione e prevedere il cambio della dirigenza in caso di non raggiungimento dei risulti gestionali.

Non possiamo non sottolineare - aggiunge Spina - che nella fase di riorganizzazione è importante la chiarezza dell'obiettivo da raggiungere.

Ad esempio, lo scioglimento di Enti come Abruzzo Lavoro ed Arssa, se da un lato puo' generare un risparmio immediato, dall'altro rischia di deteriorare il lavoro e di appesantire i costi nel tempo''.

E rilancia: ''L'avere coraggio è un requisito necessario per la classe dirigente regionale, ma tra scadenze elettorali e peggioramento delle aspettative, si rischia di creare maggiore conflittualità al posto di un maggior impegno di cui l'Abruzzo ha tanto bisogno''.

Per la Cisl Abruzzo è necessario completare alcune riforme: sanità, trasporti (obiettivo rimane la realizzazione dell'azienda unica del trasporto su gomma e la definizione di regole per una vera liberalizzazione del settore), consorzi industriali, comunità montane, ciclo integrato delle acque e rifiuti.

Tra le riforme da avviare, invece, la Cisl Abruzzo cita: lavoro, bilancio regionale federale, federazione delle Università, piano sociale regionale, Fira, trasporto su ferro, dirigenza regionale, salario di produttività e contratti di sviluppo locale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna