Stampa
Visite: 660

Sel, Patto sviluppo vuoto contenitore di Chiodi

''La decisione di Confartigianato, Cna e Confesercenti di uscire dal Patto per lo sviluppo è la riprova del fallimento della politica di concertazione del Presidente Gianni Chiodi, che a parole invita alla collaborazione, ma di fatto continua a pensare di essere un uomo solo al comando e di poter fare e disfare a proprio piacimento''.

Cosi' il consigliere regionale abruzzese di Sel, Franco Caramanico, intervenendo sulla presa di posizione delle tre associazioni di categoria ''con le quali non posso non essere d'accordo, in merito ai motivi di questa decisione maturata dalla consapevolezza che il Patto altro non e' che un contenitore vuoto''.

''Ed è per questo - ricorda - che avevamo scelto di non aderirvi, sapendo che si trattava dell'ennesimo manifesto di intenti cui non avrebbe fatto seguito alcunche'''.

Per Caramanico ''l'uscita delle associazioni dal Patto per lo sviluppo, cosi' come le diatribe interne messe in piazza dall'assessore Giuliane, che ha denunciato, come del resto avevamo fatto anche noi, la politica campanilistica del Governatore, dovrebbero servire a Chiodi a fare un sincero esame di coscienza e a trarne le dovute conseguenze''.