Pin It

Giorgia MeloniIl sessismo a senso unico!

di Tullio Parlante

I grandi giornaloni, ispiratrici di buon costume e fonte di verità, che fanno riferimento ai radical-chic dell'alta nobiltà di sinistra, nulla hanno scritto in merito all'attacco subito da Giorgia Meloni per il tramite di un individuo pseudo scrittore (per correttezza bisogna dire che è un vecchio commento facebook) che non è riuscito neanche ad avere la compiacenza di un vero nome italiano.

E' vero quando si dice che l'insulto è la virtù dei deboli di mente.

Non foss'altro perché chi insulta significa che non ha argomenti da proporre, ma cerca solo - con l'arroganza e la ciucciagine - di avere quel breve momento di "notorietà"

Come - per esempio - non ammettere che le foibe non fu un sistema di pulizia politica perpetrata dai partigiani di Tito.

Se questo individuo, che rappresenta la moderna sinistra italiana, si sente in diritto di offendere chiunque non la pensi come lui, ciò significa che il silenzio dei conigli - inteso come le grandi testate giornalistiche di quel mondo ovattato di sola verità di sinistra - avvalora la tesi che quando si "tocca" una donna di sinistra, si scatena l'ira di Zeus.

Diversamente, le donne di destra possono essere offese a oltranza. 

Questo livello culturale, che trae origine dalla pochezza (dimensione riconducibile a una necessaria condizione di modestia o di spregevole inferiorità) di chi rappresenta una parte sociale del Paese, continuerà ancora ad avere effetto negativo sul buon senso allorché un altro grande nobile di sinistra, nonché professore universitario, continua imperterrito nel vomito all'indirizzo dell'On. Meloni. 

La rabbia scatenante, nel non avere argomenti per controbattere una idea politica, di questi piccoli umanoidi senza speranza alcuna, dimostra che quando non c'è una visione politica che meriterebbe una discussione non sono in grado di reagire alla stessa, ma, solo continuando con l'insulto evidenziano quello che realmente sono e rappresentano. Il nulla.

Se la politica è scesa a questo livello lo dobbiamo esclusivamente a quella parte politica di sinistra o radical fashion che nega l'evidenza dei fatti, mettendo sempre in competizione idee senza una comune logica, perseverando nella tesi che solo quello detto da loro è verbo di verità.

Piuttosto, da sinistra che cominciassero a imparare un po' di educazione e rispetto delle idee altrui, senza scomodare quel fraseggio (il ritmo della sintassi corrispondendo alle prerogative dello stile) di forzatura ideologica di atti e fatti distorti o controcorrente.

Il rispetto è parte fondamentale in un rapporto.

Ancor di più deve o dovrebbe valere in politica.

Meditate gente, meditate........

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna