Pin It

La politica non deve essere invasa dalla religione! 

di Tullio Parlante    

Ma la chiesa, che è sotto i riflettori per tante cose non sempre belle o edificanti – il principe di tutti è la pedofilia – il Papa altro non fa che continuare nella Sua politica di accoglienza, incentivando "probabilmente" le partenze di questa massa di persone che si autoconvincono dell'arrivo nell’Eden (luogo o stato di indisturbata felicità o voluttà)

Se tutto ciò significa riempire le chiese, che attualmente continuano ad essere vuote perché è stato sorpassato quel modello di accettazione oggettiva derivante dall'obbligo di servire sempre e comunque ciò che dettavano le alte sfere vaticane, ciò potrebbe avere un senso.

Diversamente, siccome l’evoluzione della società ha permesso che il ceto medio cattolico - ad onor del vero - ragiona con la propria testa, analizzare questi fenomeni che stanno solo facendo il male della nostra nazione, farà ancor di più allontanare i cattolici da questo modello di religione che per duemila anni ci ha accompagnato in bene e in male verso una condizione sacramentale che poggiava le origini sull'aiuto  verso i deboli e l'amore verso il prossimo, che non contempla la sottomissione a ideologie diametralmente opposte a quelle che il cristianesimo ci ha permesso di immagazzinare all'interno del nostro essere cristiani. 

Tuttavia, se ognuno facesse il proprio "mestiere" nel dovuto rispetto delle proprie regole interne non si respirerebbe quest'aria malsana che mette in evidenza l'invasione di campi opposti. Ovvero.

La politica deve pensare ai problemi della nazione, mentre la chiesa deve o dovrebbe pensare esclusivamente ai propri problemi interni e alla salvezza delle anime.

Non è più accettabile questa intromissione di campo - da parte delle alte sfere vaticane - che continuano a interessarsi di problemi esclusivamente politici. 

Se un rappresentante di uno Stato (quale è quello del Vaticano) ha tanta necessità di far arrivare tutte queste persone, di cui oltre la metà non si sa nulla, perché, anziché creare problemi di sistemazione al popolo italiano, non rimodella le proprie strutture conventuali (inteso come riammodernamento di vecchi conventi vuoti) per accoglierli e pensare a loro come oggi, e non da oggi, fa lo Stato italiano?

Probabilmente è più facile dire, venite tanto qui qualcuno provvederà alle vostre esigenze. 

Da cristiano continuerò sempre a dire che ciò che la chiesa dice non è oro colato.

E, chiunque ragiona con la propria testa, si renderà conto di quanto danno sta creando questa situazione surreale che vede anche una frattura all'interno degli stessi appartenenti all'alta gerarchia ecclesiale.

La solidarietà è un qualcosa che va fatto in prima persona (come per esempio il donatore di sangue) non abdicando in favore di terzi, ponendo dietro le quinte dubbi di contropartita.

Papa Francesco dice spesso: amate gli ultimi.

Che significa amare gli ultimi?

Significa forse che nell'amore spirituale bisogna tralasciare quello che sono i reali problemi familiari a cui vanno rivolte le migliori attenzioni di essere famiglia e parte integrante della stessa?

tutti pazzi per la Civita     

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna