Pin It

Gioia immensa.

di Tullio Parlante

Dopo i nefasti eventi del terremoto e della tragedia legata alla neve, non possiamo che ringraziare tutti i donatori di sangue che con il loro apporto hanno permesso a tutti i ricoverati una normale e tranquilla degenza ospedaliera.

Non possiamo che essere orgogliosi di appartenere a questa grande famiglia avisina che della solidarietà ne fa un uso concreto e costante nei fatti.

Come siamo orgogliosi di avere come testimonial il grande portiere di calcio a cinque dell'Acquaesapone Stefano Mammarella. Grande sportivo e donatore di sangue Avis.

A 33 anni questo grande atleta - denominato la saracinesca - ha vinto tutto ciò che c'era da vincere.  Ma, ha voluto fare di più diventando il punto di riferimento di tantissimi giovani che per svariati motivi non riescono a rendersi conto che la donazione non è un atto astratto da qualsiasi logica, ma rientra in quei parametri che ci ricordano costantemente che il sangue serve in continuazione. Che accostarsi alla donazione significa affrontare il concetto della medicina preventiva che ci ricorda la prevenzione.

Prevenire è meglio che curare.

Tanti sono gli slogan che accompagnano quotidianamente l'avvicinamento alla donazione. Ma, fondamentalmente gli stessi ci ricordano che tanti sono le persone che soffrono, i quali, non devono aspettare un passaggio della medicina che ritarda un intervento perché l'ospedale ha mancanza di plasma. Donare una sacca di sangue è un dovere. Ricevere la stessa è un diritto.

Tuttavia, ringraziando anche la figura sportiva della D'Ottavio, campionessa di ginnastica ritmica, che in passato ha collaborato come testimonial per la nostra associazione, non possiamo non ricordare che l'atto della donazione è parte integrante del concetto di vera solidarietà. Inoltre, accostarsi alla donazione sangue significa stare sempre sotto controllo medico, avendo gli indici di analisi trimestrali e semestrali sempre sotto controllo. Considerando che se ognuno di noi fa questo nobile atto, riusciremo ad arrivare all'autosufficienza che ogni Regione dovrebbe avere in virtù di tutti i potenziali donatori esistenti.

Si coglie l'occasione per ricordare ai donatori iscritti che il direttivo dell'A.v.i.s. Comunale Chieti terrà l'Assemblea annuale dei soci sabato 18 febbraio 2017 alle ore 16,00 in seconda convocazione presso i locali associativi in via Principessa di Piemonte Chieti. Grande impegno associativo che necessità di presenza fisica dei donatori, in quanto questa scadenza - quadriennale - deve permettere al nuovo direttivo, che si andrà a ricostituire, di pianificare il lavoro dei prossimi quattro anni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna