L'Emilia saprà reagire, non come l'Abruzzo che si piange addosso

"In Abruzzo stanno fermi a pensare che lo Stato sia inetto, senza reagire".

Se il terremoto che ha colpito l'Emilia avesse fatto tremare "il Molise, l'Abruzzo o altre Regioni del Sud Italia, allora la tragedia sarebbe doppia".

Riceviamo e pubblichiamo

Nomine direttori dipartimenti Asl, Prospero non condivide

Non sono solo i sindacati in rivolta alla Asl di Lanciano-Vasto-Chieti  dopo le nomine dei giorni scorsi degli 11 direttori dei dipartimenti fatte dal direttore generale Francesco Zavattaro, c’è anche il Consigliere regionale Antonio Prospero (Rialzati Abruzzo) a non condividere le scelte del manager.

Torno a parlare del partito della Terza Repubblica, di quel modello che non c’è ancora ma di cui si sente fortemente il bisogno, viste le magre figure che gli attuali partiti, della destra come della sinistra, rimediano ormai ogni giorno sia sotto il profilo dell’etica che della pratica politica.

Serve gente credibile e che ci creda

Mi fa paura leggere che il governo è alla caccia di quattro miliardi.

Non perché siano tanti o perché va a finire che li cercheranno nelle mie tasche, ma perché sono pochi e inutili.

Mi fa rabbia leggere Giulio Tremonti, che racconta oggi quel che si deve fare e annette alla cattiveria del mondo quel che non hanno fatto, stando al governo.

Leggi tutto...

Il partito della Terza Repubblica

di Giuseppe Tagliente

Quel che continua a stupire ed a stupirmi della politica italiana è l’apparente inconsapevolezza dei suoi addetti circa l’imminente fine del sistema costruito nell’ultimo decennio degli anni Novanta e l’ostinazione che mostrano nel ritenere che sia possibile fermare quella che chiamano l’antipolitica (ma che invece è, come ho già scritto, soltanto il desiderio di altrapolitica) introducendo correttivi nel funzionamento dei partiti o delle istituzioni.