Pin It

Mostra d'arte di Roberta Papponetti

Dal 14 al 22 marzo a Chieti, nelle sale espositive Expo Room Bottega d'Arte

Pittrice e scultrice Roberta Papponetti

A Cura del Critico d'Arte Alessandro Costanza

Templi Romani e Corso Marrucino

Patrocinio della Camera di Commercio di Chieti

Patrocinio della Città di Chieti

Un viaggio tra Colori, Emozioni, Sensazioni fanno scena le opere esclusive, uniche ed irripetibili di Roberta Papponetti.

Un ricco Atelier variegato di tematiche, proporzioni stilistiche, cromatismo, sperimentazione di impasti materici per rendere sublime e di qualità tecnica espressiva dei suoi dipinti.

Dipinti ad olio con cura e determinazione, pennellate in verticale, orizzontale, movimenti rotatori, per dar vita alla Ninfee, stagni con piante acquatiche, colori quasi trasparenti, oserei dire “vitrei”.

Giardini vissuti dalla nostra artista nelle ore spensierate a Madrid nel Garden Museum Botanic International of Madrid.

Villa Borghese dipinta con oli sfumati monocromatici, a volte pennellate ampie e con impasto di colore sfumato.

Scorci di stagni con Ninfee, Arcate prospettiche con roseti, composizioni di cactus.

Colori trasparenti, delicati oserei dire acquerellati data la delicatezza sia compositiva che coloristica.

Acquari con pesci variopinti tra ninfee.

I Fari amati dalla pittrice fanno un effetto scenografico di grande interesse.

Colori miscelati ad olio, su di esse pennellate veloci e sicure che danno forza all'elemento, simbolo di aiuto, protezione, guida per le barche in mare.

Il mare appare luminoso, trasparente da tonalità del celeste, a volte giallo ocra, arancio, terra di Siena.

I fasci luminosi di luce sono multicolor, tridimensionali, ed equilibrano l'opera.

Un sussurro, una voce, una melodia a volte è eco da una giovane ragazza che in mar chiede aiuto al Faro o si confida con esso.

Non mancano nella ricca e vasta produzione della Papponetti i prestigiosi Trabocchi macchine pescoie decantate dal Dannunzio.

Opere materiche completano la galleria artistica pittorica.

Opere informali, monocromatiche, sono sintesi di un percorso intenso di studi, ricerca, sperimentazione, confronto.

In visione anche le originali sculture eseguite con la creta.

Una produzione personale di polittici ispirati ai Miti greci " serie dei vulcani sottomarini"

"Scioglimento dei ghiacci"

Serie delle conchiglie

"Serpente piumato"

"La donna con i cesti"

"Re Sole"

"Creone"

"Creope"

Ultima creazione in creta "La donna che ama i serpenti"

Le sculture sono caratterizzate e valorizzate dal colore spennellato su di esse, quasi a renderli eleganti quasi ceramiche.

Oggetti in miniatura dipinti a mano, piccole tele, design, arricchiscono la mostra

Mostra accompagnata dal Libro scritto a quattro mani" I Trabocchi di Roberta"

Una biografia romanzata dell'artista

A cura Maria Antonietta Bafile e Roberta Papponetti.

Ponte del mare

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna