Pin It

Percorsi d’arte lunghi un secolo

di Cinzia Pace

Centro storico di Civita d’Antino: Il 5 settembre 2015 dalle 10.00 fino a tarda notte

Il 6 Settembre dalle 10.00 alle 16.00

Torna Inquadrando paesaggi a Civita D’Antino, la  rassegna di Arte, Cultura e Tradizioni popolari prevista per sabato 5  e domenica 6 settembre.

L’evento giunto alla sesta edizione, si propone di celebrare l’incontro dei pittori danesi guidati da Kristian Zahrtmann e il suggestivo paesaggio  di  Civita D’Antino che diede luogo all’intensa stagione creativa dell’arte danese e scandinava di fine ’800 e primi  ‘900.

La manifestazione, promossa dal Comune di Civita D’Antino e dalla Proloco, si aprirà sabato 5 settembre  presso il Museo Archeologico “Antinum” con il convegno “Civita prima e dopo il terremoto del 1915: Il terremoto della Marsica e la fine del periodo d'oro dei pittori danesi a Civita”.

Al dibattito parteciperanno: il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, il sindaco di Civita D’Antino Sara Cicchinelli, il  Direttore Istituzione Centenario Terremoto della Marsica  Sergio Natalia,  la Vice presidente dell’Associazione Culturale “Il Liri” Maria Caterina De Blasis.

Nel corso del convegno sarà presentato il libro “Civita D’Antino” di Antonio Bini.

Presso il Museo “Antinum” sempre in mattinata,  si terrà l’inaugurazione, della Mostra “Ritorno a Civita D’Antino” con le opere originali dell’800  concesse, per l’occasione, dalla Fondazione Pescarabruzzo e della mostra fotografica “dalle Macerie alla Rinascita”, organizzata dal Comitato Valle Roveto Centenario Terremoto 1915 in collaborazione con l’Associazione Culturale Il Liri e l’Associazione Culturale Petrarolo di Civitella Roveto.

Il pomeriggio sarà caratterizzato dalle esibizioni di musica, danza, teatro e pittura che, in una mistica fusione di spettacoli itineranti, segneranno il tratto distintivo della manifestazione.

Tra le performance proposte: “Migrante” azione teatrale itinerante diretta da Andrea Bartolomeo con interpreti Andrea Bartolomeo, Brunella De Feudis, Agnese Fallongo, Anna Rita Gullaci, Roberta Giulia Lucca, Alberto Santucci ; “Explorer” spettacolo a cura  degli  “Electro Cust Duo”  di e con Andrea Orlandi(Batteria e Octapad) e Diego Tomassetti (Tastiere, Synth); “Aire Andaluz” di e con Luigi De Simone (Chitarra Flamenca) e Eduardo Rocha Vargas (Ballo Flamenco); “Parole al vento”, Recital poetico musicale di Sergio Meogrossi, con Sergio Meogrossi (voce) e Tonio Vitagliani (vibrafono e fisarmonica);

Il laboratorio dei bambini sarà curato da “Orchidea” e “Melo Cotogno”, della Melevisione.

Quest’anno il Premio ACCDA – Arte Contemporanea a Civita D’Antino sarà assegnato all’artista marsicana, svizzera d’adozione,  Valentina De’ Mathà, quale riconoscimento per l’importante carriera artistica internazionale.

Per l’occasione l’artista esporrà presso il museo Archeologico “Antinum”, una parte dell’opera “Silenzio”, presentata alla 54a Biennale di Venezia e dedicata alla memoria delle 308 vittime del terremoto dell’Aquila.

L’artista è stata da poco inserita nell’importante collezione di Luciano Benetton “Imago Mundi” con l’opera “Fucinus”, dedicata all’Abruzzo e già esposta presso la prestigiosa Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino e la Fondazione Cini di Venezia

Lungo le vie del paese ci saranno le mostre itineranti: mostra fotografica di Fabienne Perugia, Matteo Dellabella, Simone Coletta e Gianluca Tullio;  le personali di pittura di Fabio De Santis Scipioni, Musa Gitan Alkhamisi, Marilena Abbondanza, Antonella D’Angelo.

A partire dalle ore 20.00 si ballerà sulle note dei concerti musicali itineranti dei gruppi: “Luci Rosse Senza Porno” e  Alessandro Farina (musica d’autore).

La mattina di domenica 6 settembre, si aprirà, presso il Museo Archeologico “Antinum”, con la presentazione del documentario trasmesso dalla tv danese “ Civita d’Antino: Artisti danesi in Italia (Civita d’Antino: danske Kunstnere i Italien)” ed con la presentazione del libro di “Com’era bella la mia Valle”-Memorie del terremoto della Marsica” a cura di Arnaldo Fabriani.

Tra gli spettacoli della mattina del 6 settembre “I Flauti di Toscanini” con lo spettacolo “Flauti all’opera” diretta dal mestro Paolo Totti (Orchestra di Flauti Stabile).

La manifestazione è realizzata con il  contributo della Fondazione Carispaq.

Tra le collaborazioni di quest’anno: Fondazione Pescara Abruzzo, Harmonia Novissima, Comitato del Centenario del terremoto della  Marsica, Comitato del Centenario del terremoto Valle roveto.

Numerose saranno le cantine enogastronomiche, organizzate dalla Proloco, che rimarranno aperte per tutte e due le giornate.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna