Pin It

Nati per dare più garanzie al cittadino hanno originato indegne gogne.   

di Gino Di Tizio

Ma l'avviso che si emette quando inizia una azione giudiziaria nei confronti di un cittadino e si chiama "di garanzia", in effetti cosa garantisce?

L'immediato sputtanamento (chiedo scusa del termine, ma ci sta tutto) del malcapitato, sia esso un personaggio famoso che un qualsiasi carneade con l'allestimento di gogne pubbliche sui media?

Che poi la politica usi questa degenerazione del nostro sistema pubblico per propri usi e consumi è un'altra barbarie che ci allontana dall'essere un paese civile, che si vanta di aver dato i natali a Cesare Beccaria e pretende di essere la culla del diritto.

E' una riflessione dovuta, questo, in relazione a quello che ancora una volta sta avvenendo per una inchiesta giudiziaria che ha visto inizialmente indagato il presidente della giunta Regionale D'Alfonso, per vicende legate al recupero del palazzo Centi dopo il devastante terremoto che ha colpito l'Aquila.

I media hanno riportato la notizia che il Pm si appresta a chiedere l'archiviazione per quel che riguarda proprio il presidente D'Alfonso, mentre altri 10 coinvolti nella indagine rischiano il processo.

Non entro nel merito della vicenda, perché non ne conosco tutti i passaggi, ma il presidente D'Alfonso ha oggi tutto il diritto di chiedere ai media di dare alla notizia del suo proscioglimento lo stesso risalto dato quando si è saputo che appunto aveva ricevuto il famoso "avviso di garanzia" che, per come le cose sono messe, garantisce solo un buon posto sui giornali e nei servizi delle emittenti televisive.

E' proprio l'uso perverso di questo passaggio delle attività della giustizia, che pure era nato per dare più garanzie ai cittadini, che deve finire sotto accusa.

I responsabili di questa deriva indegna di un paese civile sono tutti coloro che diffondono questi avvisi, che dovrebbero rimanere segreti, e li trasformano in gogna.

E sarebbe davvero ora che ognuna delle parti in causa si assumesse, di fronte ai cittadini, le proprie responsabilità.

Sarebbe un bel passo avanti per rendere il nostro davvero un paese civile.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna