LOTTIZZARE E’ PEGGIO DI RUBARE

di Gino Di Tizio

Enzo Biagi sosteneva che per un politico “lottizzare è peggio di rubare”.

Spiegava poi: “Dal ladro puoi difenderti ricorrendo a carabinieri o polizia, ma non hai alcuna possibilità di difesa nei confronti dell’incapace messo al vertice di un ente pubblico. Subisci solo danni”.

Forse però le sue parole non hanno mai trovato nei signori politici, di qualsiasi colore si vestano, giusto ascolto, perché usare le poltrone di strutture pubbliche per sistemare trombati, portaborse o comunque personale dei partiti, creare attorno a queste spartizioni le premesse per alleanze elettorali, usarle insomma per fare “politica”, senza rendersi conto che così si scende nel “politicantismo” che ne è la negazione, è un vecchio e consolidato vizio da cui non ci si riesce a liberare.

LA VECCHIA SINISTRA E LE PENSIONI 

di Gino Di Tizio

Silvio Paolucci, segretario regionale del Pd, su Facebook ha avuto il meritevole coraggio di affrontare un tema da lui stesso proposto, peraltro di stringente, anzi drammatica attualità: “La vecchia sinistra e le pensioni”.

L’ha fatto poi con provocante chiarezza: “Non capisco -infatti ha scritto- perché la sinistra del Pd. Sel, Prc, la sinistra iper giustizialista ritenga giusto che milioni di cittadini percepiscano più previdenza di quanto hanno versato.

Scaricando il tutto ad altri milioni di giovani cittadini e ai bambini di oggi. Bloccando il futuro. Che sinistra è?”.

CHIODI COME ZEMAN?

di Gino Di Tizio

“Presidente faccia come Zeman”: è l’invito che nel suo editoriale della domenica sulle pagine de Il Centro, vale a dire il quotidiano più diffuso in Abruzzo, ha mandato a Gianni Chiodi il direttore Sergio Baraldi.

Fossimo nei panni del presidente Chiodi risponderemmo subito: “Magari potessi farlo”, cioè agire come fa l’allenatore del Pescara calcio.

Qui va spiegato che il direttore de Il Centro cita Zeman perché sostiene che ci ha insegnato, venendo in Abruzzo a guidare la squadra bianco-azzurra, che “si può cambiare mentalità e vincere”.

UNA GRATTACHECCA AVVELENATA?

di Gino Di Tizio

Si dà dimostrazione di cultura sapendo come è fatta la grattachecca che a Roma, nel suo chiosco, vende Sora Maria?

Aiuta a diventare medici, magari poi a salvare vite umane, avere approfondita conoscenza sul ghiaccio tritato e il suo uso?

Per chi ha preparato le domande da sottoporre agli aspiranti studenti di medicina dell’Università La Sapienza di Roma evidentemente non ci sono dubbi: la risposta sarebbe un si deciso.

Infatti gli studenti si sono trovati a rispondere a questo quesito: “Nei pressi del noto Liceo Tacito di Roma si trova la “grattachecca” di Sora Maria. Sapresti indicare quali sono i gusti serviti? Menta, limone, amarena, cioccolato…”

L’Unione degli studenti ha dichiarato che presenterà ricorso, perché “il quesito sembra una barzelletta”.

LA POLITICA COME INVESTIMENTO 

di Gino Di Tizio 

“Per essere eletto ho speso diversi soldi in campagna elettorale: è giusto che ora, tra commissioni e gettoni, recuperi almeno un migliaio di euro al mese”: questo ragionamento, che dimostra colossale ingenuità, oppure una impudente faccia tosta, ci è stato fatto da un consigliere comunale, vale a dire uno degli ultimi nella scala della politica, almeno in fatto di emolumenti rispetto a chi siede in Parlamento o in un consiglio regionale. 

Un atteggiamento che dimostra come la politica, a tutti i livelli, sia ormai intesa come un investimento da parte dei più che vi si dedicano.