L’UDC ORA DEVE SCEGLIERE

di Gino Di Tizio

La caduta di un assessore provinciale di Chieti, Silvio Tavoletta, peraltro uno sportivo di razza ed un manager prestato ad una politica che sta dimostrando di non meritarlo, rischia di creare una serie di reazioni a catena nel quadro politico regionale.

Politica e degrado  

IL VITALIZIO NON E’ UN DIRITTO, MA UN PRIVILEGIO

di Gino Di Tizio

A parte le risibili rivendicazioni di primogenitura, rispetto ai tagli che ci sono stati a livello di Consiglio regionale, è un dato di fatto che la Regione Abruzzo è stata quella che si è mossa con maggiore determinazione verso un ridimensionamento dei costi della politica.

IL TRIONFO DEGLI SCILIPOTI

di Gino Di Tizio

E’ comprensibile che ai capponi non si possa chiedere di allestire il pranzo di Natale e meno che meno di mostrare entusiasmo verso questo evento, ma ugualmente trovo sconcertante le motivazioni pubblicamente esposte dal capogruppo regionale del Pd Camillo D’Alessandro per dire no alla riduzione del numero dei consiglieri regionali, da 45 a 30.

La giustizia e la verità virtuale

di Gino Di Tizio

”La nostra pronuncia di assoluzione (di Amanda Knox e Raffaele Sollecito) è il risultato della verità che si è formata nel processo.

Ma la verità reale può essere diversa, loro possono essere colpevoli, ma non ci sono le prove”.

C’E’ UN VENTO DI TEMPESTA

di Gino Di Tizio

Nella politica locale è tempo di turbolenze, in questo inizio di autunno.

C’è infatti un vento inquietante che soffia sulla Provincia di Pescara, con il rischio  concreto di possibili disastri che possono azzerare tutto, e nemmeno al Comune di Chieti, malgrado i numeri confortanti che la maggioranza di centro destra può ancora mostrare, le cose sembrano andare per il giusto verso.