Entrata a gamba tesa

di Gino Di Tizio

L’audizione dei Pm in Senato, una vera e propria entrata a gamba tesa sul processo di sanitopoli che è in pieno corso, ma la colpa è soprattutto della politica.

Non è una caccia alle streghe

di Gino Di Tizio

“C’è un clima di caccia alle streghe”, ha detto il capogruppo di Rifondazione Comunista al Consiglio Comunale di Chieti, Riccardo Di Gregorio, riferendosi all’atmosfera che si respira tra gli studenti al Campus dell’università d’Annunzio dopo l’arresto di Leonardo Vecchiolla, lo studente di psicologia in manetta per essere stato individuato tra i protagonisti degli scontri che lo scorso 15 ottobre hanno devastato Roma.

La libertà tua e quella degli altri

di Gino Di Tizio

La notizia che il Pubblico Ministero aquilano Simonetta Ceccarelli ha chiamato sul banco degli imputati il parlamentare Giovanni Lolli, il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente e  altre 13 persone, contestando loro il reato di interruzione di pubblico servizio per aver occupato il tratto autostradale tra i caselli dell’Aquila Est - Tornimparte per circa due ore, insieme a circa 4 mila manifestanti, merita di diventare argomento di analisi ed anche, perché no?,  di riflessione su quello che deve essere il comportamento di chi gestisce la cosa pubblica.

Se però parlano invece di tirare pietre

di Gino Di Tizio

“Mio figlio non è un delinquente, non è un teppista. Questi giovani bisogna ascoltarli, non tenerli in carcere”: sono parole pronunciate dal padre del giovane universitario della facoltà di psicologia di Chieti,  accusato di essere stato tra coloro che hanno bruciato un mezzo dei carabinieri a Roma, durante la manifestazione dei cosiddetti “indignati”.

Tutti contribuiscano

 di Gino Di Tizio

Intervenire sulla burocrazia della Regione Abruzzo: tutti sembrano d’accordo che non è possibile, come sostengono con forza  esponenti del mondo economico e produttivo, mantenere circa 1800 dipendenti, tra giunta, consiglio regionale ed enti.