Stampa
Visite: 724

Drammatico annuncio della maggioranza 

ARRIVANO ALTRI DEBITI PER 3,8 MILIONI

LA PROVINCIA PUO’ FALLIRE ENTRO L’ANNO 

Entro quest’anno la Provincia di Chieti potrebbe fallire, con la dichiarazione del dissesto finanziario: è questo il clamoroso e drammatico annuncio fatto questa mattina in conferenza stampa dalla maggioranza di centro destra. 

Infatti in un documento firmato da Paolo Sisti, Etelwardo Sigismondi, Mario Di Paolo, Angelo Argentieri, Arturo Scopino e Luigi che è stato illustrato ai giornalisti si legge: “Mentre l’ex presidente Tommaso Coletti  trascina l’intera minoranza in una ormai sistematica campagna di mistificazione della realtà e tenta, per l’ennesima volta, di ingannare i cittadini, la Provincia di Chieti sta affondando sempre di più sotto i debiti lasciati dalla sua amministrazione: tre gli ulteriori debiti, pesantissimi, che si sono abbattuti sull’Ente e che ne decreteranno quasi sicuramente il dissesto finanziario, cioè il fallimento, entro quest’anno.

Si tratta -spiega il comunicato- di una ingiunzione di pagamento per 2 milioni e 367 mila euro per i lavori effettuati nei palazzetti dello sport di Lanciano, Ortona e Vasto in occasione di Eurobasket 2007, un debito che rischia di affossare sia la Provincia che i tre comuni che sono stati chiamati in causa;

di una fattura di Telecom di oltre 700.000 euro per presunti lavori inerenti la realizzazione di reti telefoniche nelle scuole

e di un pignoramento per 800 mila euro per un contributo che, sempre l’amministrazione Coletti, con una semplice lettera prometteva di concedere in occasione di Eurobasket 2007, e che in origine era di 500 mila euro, ed è una di quelle situazioni davvero  scandalose.

Qualora venisse accertata la fondatezza di tali richieste- affermano gli esponenti della maggioranza- non ci sarebbe alternativa al dissesto. Ed altri debiti continuano a venire fuori, tutti riconducibili alla gestione Coletti, frutto di contenziosi maturati per atti della sua amministrazione, come testimoniano date e documenti”.

Il documento entra poi nel merito di alcune situazioni di cui hanno parlato le opposizioni, con precisazioni e polemiche controaccuse. 

Ci saranno sicuramente nuovi scontri sull’argomento.

Intanto però c’è questo allarme del possibile fallimento della Provincia, che entra prepotentemente nel dibattito.

Non sarebbe bene, a questo punto, impegnarsi tutti per evitare il disastro?