Stampa
Visite: 572

Riceviamo e pubblichamo

Lanciano, 31 agosto 2011

Al Sig. Sindaco del Comune di Lanciano

Piazza Plebiscito - 66034 Lanciano (Ch)

Al Sig. Presidente del Consiglio Comunale di Lanciano

Piazza Plebiscito - 66034 Lanciano (Ch)

OGGETTO: richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale straordinario, allargato ai Sindaci del comprensorio, avente ad oggetto la ipotesi di revisione delle circoscrizioni giudiziarie che porterebbe alla chiusura del Tribunale di Lanciano. Ill.mi Sig. Sindaco e Sig. Presidente del Consiglio Comunale,

nella mia qualità di presidente della Camera Penale di Lanciano, associazione libera ed indipendente di Avvocati, aderente all’Unione delle Camere Penali Italiane (U.C.P.I.) ed in nome e per conto di essa, scrivo per richiedere la convocazione di una riunione straordinaria dell’Assise Civica chiamata a discutere nel proprio ambito tutte le iniziative da intraprendere per contrastare ogni ipotesi di chiusura del tribunale di Lanciano.

Nei giorni scorsi, infatti, sono state divulgate indiscrezioni di un possibile emendamento alla cosiddetta manovra di ferragosto (D.L. n.138 del 13/08/2011) volto a modificare le circoscrizioni giudiziarie. La nuova geografia sulle circoscrizioni giudiziarie colpirebbe anche il nostro Tribunale che rientra tra i cosiddetti “tribunali minori”.

Un progetto avventato che non tiene conto di alcuni aspetti che dovrebbero indurre a una maggiore prudenza. Un semplice colpo di spugna, come quello paventato, non può realizzare la razionalizzazione delle strutture giudiziarie sui territori, senza un ampio e serio confronto circa i criteri da seguire per disegnare la nuova geografia giudiziaria ed individuare soluzioni per ottenere efficienza del servizio nel rispetto dei diritti dei cittadini realizzando nel contempo economie di spesa.

La materia delle circoscrizioni non deve essere affrontata unicamente o precipuamente in base a criteri di economicità, in quanto la scelta se mantenere od accorpare un Ufficio Giudiziario deve tener conto di vari altri fattori tra cui le caratteristiche socioeconomiche del territorio. Altrimenti si danneggerebbe la buona giustizia e l’autonomia dei territori.

Sotto il profilo del contenimento della spesa, infatti, i sicuri ulteriori aggravi non sembrano compensati da una maggiore redditività delle risorse economiche investite nei tribunali di maggiore dimensione. Ciò, inoltre, senza tener conto dei sicuri rilevanti maggiori costi che graverebbero sulla collettività per le quotidiane trasferte degli utenti del settore giustizia.

Per quanto sopra la Camera Penale di Lanciano, chiede che il Consiglio comunale approvi una mozione che inviti le Forze Politiche del Paese e gli Organi Parlamentari ad astenersi dal disciplinare la materia mediante interventi emendativi del decreto legge n.138 del 13/08/2011 al momento in corso di conversione al Senato, affinché venga scongiurata la soppressione del Tribunale di Lanciano che rappresenta un vero e proprio presidio storico che, da antica data essendo stata anche sede di Corte di Appello, esercita appieno la propria funzione in grado di rispondere alla domanda di giustizia del territorio e di radicare una vera e propria cultura della legalità, e che nel passato, come nel presente, è stata eccellente scuola giuridica.

Realtà storiche come Lanciano, sono in grado di lavorare con molta più peculiarità e rapidità di quanto non potrà mai accadere in strutture macchinose come quelle dei grandi capoluoghi di provincia. Ci si dovrebbe preoccupare piuttosto di sostenere l’ipotesi responsa-bile di un ampliamento del Circondario di competenza del Tribunale di Lanciano.

Si chiede, altresì, proprio per la esiziale funzione che il Tribunale esercita nel territorio, che alla seduta vengano invitati i sindaci dei centri del comprensorio, oltre al presidente del Tribunale di Lanciano, il Procuratore della Repubblica di Lanciano, lo scrivente Presidente della Camera Penale di Lanciano, ed il Presidente del locale Ordine degli Avvocati.

In attesa del vostro favorevole riscontro, porgo distinti saluti.

Avv. Alessandro Troilo

Dello stesso argomento: Avvocati contro la Regione; No alla chiusura dei tribunali