Stampa
Visite: 3402

A Chieti le bizzarre polemiche dei cittadini  sulle luci del Natale

Di Morena Marzoli

Il 10 dicembre c.m. il giornale abruzzese " Il Centro " pubblica  un articolo che dà voce alle polemiche dei cittadini sulle luci di Natale per le strade del centro di Chieti, parlano i negozianti che hanno dato un contributo di 30 euro per le luminarie, chi si lamenta dei soldi che il Comune ha speso per l'evento culturale "La settimana Mozartiana" e chi vorrebbe che l'amministrazione comunale  risparmiasse su altro per poter avere poi la disponibilità di spendere soldi pubblici per il Natale. In questi giorni molti cittadini teatini sembrano aver dimenticato i veri problemi della Città e si indignano se Chieti ha meno luci di Pescara. Ricorre il luogo comune: " Chieti sta morendo " ma come puo' morire una Città piena di eventi culturali per le luminarie?La festa religiosa del Natale ci dovrebbe ricordare che i veri valori non risiedono nell'apparenza degli addobbi decorosi , che l'apparenza conta poco, che contano i gesti di generosità, di umiltà e di solidarietà verso le persone che soffrono, che la miseria interiore non deve avere il sopravvento, ben venga anche lo shopping natalizio ma se non ci sono abbastanza luci per le strade che problema è ?Attaccare l’amministrazione comunale sul fatto che non ha speso soldi pubblici per le luminarie è a dir poco grottesco.Il Sindaco Umberto Di Primio replica alle accuse dei cittadini sulla sua pagina facebook.Umberto Di Primio:“leggo stamattina un assurdo articolo su il centro relativamente agli addobbi di Natale. Commenti tutti orientati ed interessati. C'è chi critica per mestiere, chi si lamenta perché non ha avuto qualcosa e chi non potrebbe nemmeno lamentarsi, chi si attribuisce meriti che non ha, etc. etc..Si lamentano degli addobbi natalizi, eppure le luci di Natale sono state installate (saranno coperte, è bene chiarirlo, le stesse vie di sempre), pazzesco.... e se non le avessimo messe cosa avrebbero detto e fatto....Si lamentano perché il comune invece di utilizzare soldi propri ha utilizzato sponsorizzazioni (cosa che succede da 10 anni)... forse questi signori preferivano che spendessimo soldi comunali?Si meravigliano del contributo di 30€ offerto dai commercianti, (c'è anche chi non li ha messi e gode delle luci e del resto)... ma perché altrove come funziona?Ci si lamenta delle piste di ghiaccio montate nei centri commerciali, ma ci si dimentica il costo e soprattutto le polemiche fatte dai commercianti quando installammo la pista in centro: lì no perché si tolgono parcheggi, lì no perché si copre la vetrina, lì no perché è troppo lontano, oppure: invece di spendere i soldi per la pista perché non ci fate altro... vi ricordate?Insomma, non chiedo, né pretendo siano tutti d'accordo sulle scelte che facciamo, spetta a noi farle e per questo essere giudicati (io mi sono già sottoposto al giudizio dei cittadini a giugno dello scorso anno, molti parlano dal monte della autoreferenzialità), ma almeno un po' di coerenza! Come può Il Centro, che fa battaglie contro gli sprechi, alimentare polemiche se una amministrazione risparmia dando comunque un servizio?E poi, un po' di serietà ed oggettività nei commenti, la città è abbandonata, declino e giù con la storica lamentazione. Ma che dite? ma avete idea di quello che una amministrazione e che la mia amministrazione deve fare e fa ogni giorno?Chiudo con un pizzico di polemica unità ad orgoglio, TEATE Winter Festival, un evento straordinario che arricchisce il Natale teatino, i locali dove ci sono le esibizioni strapieni e buona vendita di biglietti per gli spettacoli... peccato (ma è anche il motivo di orgoglio e di successo) che la stragrande maggior parte di tagliandi sia stata venduta fuori Chieti. “(Umberto Di Primio) Chapepau!