Stampa
Visite: 486

Riceviamo e pubblichiamo

Chieti, 13 settembre 2011 

Imbrattamuri, distruzioni pensiline fermate autobus...

L’Assessore ai Lavori Pubblici, Mario Colantonio, in relazione ad alcuni atti vandalici, ha emesso la seguente nota

«Esprimo la mia personale forte preoccupazione per numerosi e ripetuti atti vandalici che si verificano in Città a danno della cosa pubblica e del bene comune. 

Oggi le Amministrazioni Comunali sono chiamate ad affrontare molteplici problematiche legate ai lavori necessari per gli adeguamenti alle norme di sicurezza del patrimonio edilizio scolastico e comunale, miglioramenti dei servizi idrici, fognari e viari ed anche l’interesse a migliorare l’estetica della Città, specialmente quando è ricca di antichità e siti di interesse storico ed architettonico.

Tutto può contribuire a rendere bella una Città come Chieti, sia l’impegno politico ed amministrativo ma anche e soprattutto l’impegno civico dei cittadini che hanno rispetto del bene pubblico e di tutti i sacrifici, che soprattutto loro, sono chiamati a fare quando pagano le tasse finalizzate al miglioramento dei servizi.

Sono continue, frequenti e sempre più diffuse le azioni dei “writers” che imbrattano con scritte e simbologie incomprensibili murature storiche della Città quali il belvedere di Via Principessa di Piemonte, la Civitella e tante altre; imbrattano anche tantissime murature di edifici e palazzine condominiali appena ristrutturati, con grandi sacrifici economici dei proprietari.

Qualche mese fa si evidenziarono numerosi furti di grate e caditoie stradali, per il noto traffico del materiale ferroso che imperversa da qualche anno, oggi, la grande ed evidente piaga è la “distruzione” delle pensiline degli autobus.

Qualche mese fa, avevo anche personalmente ringraziato l’azienda LA PANORAMICA che gestisce il trasporto pubblico locale per la bellezza estetica e la funzionalità delle nuove pensiline che erano state posizionate in tutta la Città .

Nella giornata odierna alcuni cittadini attenti, mi hanno segnalato, su Via Pescara, vicino la scuola del Celdit, che risultano completamente divelte le vetrate delle pensiline e buttate a terra sul marciapiede.

A dire il vero erano giorni che notavo numerose pensiline che presentavano le vetrate sfondate con una evidente ed inaccettabile violenza per poi essere imbrattate di ogni simbologia.

Ho telefonato ad un responsabile della Ditta “La Panoramica”, che sconfortato mi ha risposto “Assessò…..l’anno scorso abbiamo contato 70 pensiline fortemente danneggiate da atti vandalici, le abbiamo rinnovate quasi tutte, a fine anno faremo il conto dei nuovi danni, temo saranno di più”

Io devo solo ringraziare quei cittadini che collaborano attivamente con l’Amministrazione, segnalandoci diligentemente delle anomalie, devo però necessariamente condannare i “vandali” che commettono azioni riprovevoli contro la cosa pubblica ed a danno della collettività, invitando chiunque abbia modo di notare qualche atto vandalico, a telefonare alla Polizia Municipale ed alle Forze di Polizia presenti sul territorio, Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza.

Anche questa volta inoltrerò appropriata denuncia contro ignoti alle Autorità competenti, sperando che quanto prima gli ignoti, pescati o colti sul fatto, abbiano un nome ed un cognome.»