Pin It

DISSESTO? LA MAGGIORANZA SFIORA IL RIDICOLO 

Riceviamo dal capogruppo del Pd Camillo D'Amico un intervento in replica a quanto affermato dai componenti i partiti di maggioranza alla Provincia di Chieti sulla sopravvenienza di nuovi debiti, quasi qjuattro milioni di euro, che condannerebbero l'ente al fallimento, cioè al dissesto finanziario. Pubblichiamo, come è nostro dovere, il comunicato di D'Amico, ma nel farlo chiediamo alle parti un maggior rispetto della verità e delle cose e dei cittadini di questa provincia, che non si dimostra con una serie infinita di accuse e controaccuse sull'argomento, cioè la responsabilità della disastrosa situazione finanziaria in cui versa la Provincia di Chieti. Invece di scrivere comunicati e convocare conferenze, facessero tutti uno sforzo per far sapere come stanno intanto le cose, quali sono le reali prospettive e cosa dobbiamo aspettarci per il futuro.

Continuare all'infinito questo palleggiamento di responsabilità crea solo confusione e alimenta il già alto clima di sfiducia verso la politica e i suoi protagonisti.

“Sfiora il ridicolo l’ultima uscita dei colleghi di maggioranza in provincia di Chieti che continuano imperterriti a pronunciare numeri su presunti debiti lasciati loro in eredità, sempre e comunque dalla precedente amministrazione di centro–sinistra presieduta da Tommaso Coletti al di là di ogni utile e doveroso approfondimento, quando, sugli Europei di basket svoltesi nel 2007, abbiamo chiesto in commissione vigilanza un approfondimento su fatti, documenti ed audizioni di persone coinvolte e direttamente interessate perché protagoniste e loro, come costume consolidato, hanno elegantemente rifiutato la sollecitazione.” 

“All’interno dell’attuale giunta provinciale oggi siede qualcuno che può dirci e riferirci  molte  cose su qualità e quantità  della spesa sostenuta oltre a riferirci sul merito delle scelte relative alla gestione a suo tempo fatte dal comitato organizzatore degli Europei di basket di cui, giova ricordare, la provincia era componente quanto i comuni di Chieti, Ortona, Vasto,  Lanciano,  e l’università D’Annunzio”

“Noi vogliamo fare chiarezza su tutto senza risparmio per assumerci la nostra eventuale parte di responsabilità ma sono loro che cocciutamente si sono sempre rifiutati pur emettendo sentenze dure a nostro carico e Coletti in particolare a prescindere; probabilmente  continuano a farlo per non disturbare qualcuno che, anche grazie alla campagna animata sul Europei di basket, a suo tempo ottenne un grosso risultato elettorale personale tanto da  diventare il vero padrone assoluto del centro – destra nel nostro territorio.

Ad ogni buon grado, rispetto a questa vicenda che ha comunque lasciato ai posteri 4 palazzetti dello sport all’avanguardia nel nostro territorio oltre ad aver promosso una bella immagine della nostra provincia, torneremo a chiedere un urgente riunione della commissione di vigilanza e garanzia nella speranza che, dopo questa nuova gioiosa sparata, troviamo un atteggiamento ed una disponibilità diversa della maggioranza ad approfondire e capire.

Vorremmo lo facessero senza cadere in generose suggestioni a ridare nuova verginità al proprio capo per fargli raggiungere altri lidi ricorrendo alla facile speculazioni su terzi e mai rendere conto del proprio operato molto discutibile sui risultati sin qui ottenuti nell’esercizio della propria funzione.” 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna