Pin It

L'importanza della fede cristiana

di Tullio Parlante*

Premesso che il nostro lavoro è quello di raccontare fatti ed eventi, maggiormente quando una storia finisce a lieto fine, e che il Santuario della sacra icona  appartiene a tutta la collettività di credenti cristiani - ricordandoci che secondo la tradizione l'immagine sacra del Volto Santo avrebbe fatta la sua prima apparizione a Manoppello nel lontano 1506

- non possiamo non portare all'attenzione della collettività un fatto verificatosi giorni addietro, esattamente nella mattinata tra le ore 7,30/8,00 del 4 giugno del corrente anno, nei pressi della Basilica, laddove si è letteralmente sfiorata la tragedia se la dinamica dei fatti in racconto sarebbe avvenuto in modo diverso.

La sintesi.

Un numeroso gruppo di pellegrini provenienti da fuori città, hanno incautamente parcheggiato le vetture davanti il sagrato della chiesa, anziché utilizzare la comodità dello spazio antistante l'albergo del Pellegrino.

Nel punto scelto per la sosta, la strada è in ripida discesa, per cui, bisognerebbe attivare tutti i sistemi frenanti per bloccare le macchine.

È successo invece che, una incauta pellegrina non ha tirato il freno a mano lasciando innestata solo la leva del cambio.

Passati pochi minuti - nel frattempo la conducente era già all'interno della Basilica - dalla citazione del freno a mano, l'autovettura ha cominciato lentamente e pericolosamente ad indietreggiare.

Provvidenzialmente passava da quelle parti l'Ingegnere Giulia Del Rosso che, accortasi dello scivolamento dell'automobile senza nessuna persona all'interno, ha cercato aiuto nella difficoltà del momento.

Il caso ha voluto che quella richiesta sia stata intercettata da Rocco Cremonese (Comandante Emerito della Polizia Municipale di Manoppello) che- con molta destrezza - si è immediatamente prodigato per arginare i movimenti dell'autovettura accompagnandola - dopo essere riuscito a colpi di poderosi calci a piegare la curvatura delle gomme anteriori - lentamente verso il cordolo del marciapiede dove il mezzo si è arrestato.

Nel frattempo era stata avvertita la proprietaria dell'utilitaria che, molto spaventata per lo scampato pericolo, ha ringraziato Rocco e Giulia, oltre che il Sacro Volto di Gesù Cristo. 

Tuttavia, in questo contesto è corretto riportare le parole del nostro concittadino in pensione Comandante Cremonese che evidenzia l'importanza dell'intervento dichiarando testualmente: è stata una fortuna che mi trovassi presente sul posto dove si è sfiorata la tragedia, se solo si pensa alla possibilità che potesse passare qualche ignaro automobilista o persona che a vario genere circolavano lungo la strada.

Considerando anche che ho messo in atto tutte le mie conoscenze professionali immagazzinate in anni di professionalità sulle strade, oltre che le tecniche apprese quale membro dell'A.N.F.I. (Associazione Nazionale Finanzieri d'Italia) e della Protezione Civile che, in questo contesto, si sono rivelate di un'utilità unica nel suo genere. 

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna