La par condicio

Il Primato si propone il ruolo di approfondimento di notizie che hanno interessato il pubblico con le rubriche che raccolgono le storie meno conosciute, gli aneddoti, le rievocazioni storiche, le tradizioni, gli sport.

Iscriviti alle newsletter


L'Abruzzese dell’anno

Premio Mario Napoleone


Display Pagerank

tatoon_home

Add To Fwicki Add to My Yahoo!
Add to Alesti RSS Reader Add to Netvibes
Add to Feedage.com Groups Add to Windows Live
Add to Google! Add to AOL!
Add to MSN Subscribe in Bloglines
Add to Feedage RSS Alerts

Feedage Grade A rated

Classificando

Leggi nella tua lingua

 

 440 visitatori presenti


SiteBook

La par condicio

PDF
Editoriale - Editoriale
Giovedì 03 Gennaio 2013 19:03
Hits

 

Tornano disposizioni che offendono i giornalisti

Di Gino Di Tizio

Torna la “par condicio” nei programmi televisivi e, a stare alle ultime notizie, nella Commissione di Vigilanza sulla Rai che deve varare il regolamento ci sono forti polemiche, segnate da oltre cento emendamenti presentati alla bozza del presidente  Sergio Zavoli. Per quel che mi riguarda, da giornalista, come sempre ho fatto da quando è  entrata in vigore la legge sulla par condicio, che interessa non solo il servizio pubblico della Rai ma anche le emittenze private , non parteciperò alla giostra  che si va allestendo.

 Nel senso che non condurrò o prenderò parte ad alcun dibattito politico, semplicemente perché mi rifiuto di accettare regole che limitano il tempo di una domanda, impediscono il serrato contraddittorio che potrebbe servire a mettere in piena luce problematiche e temi che sono sul tappeto e impongono di trattare alla stessa maniera tutti coloro che partecipano ad un dibattito televisivo, anche se si tratta di candidati di partiti che non hanno alcuna speranza di accesso al Parlamento e quindi non potranno mai avere voce in capitolo. Sia chiaro che ritengo giusto che anche questi esponenti della politica abbiano il diritto di apparire e di parlare, ma che siano messi sullo stesso piano di chi invece ha concrete possibilità di governare il Paese è solo una forzatura di una legge che ritengo da una parte sbagliata e dall’altra  offensiva per gli stessi giornalisti. Offensiva della professionalità di chi deve condurre un dibattito politico in Tv  munito di tanto di cronometro per segnare il tempo, già sapendo che deve lasciare parlare senza interrompere il suo interlocutore.  Assurdo e per me inaccettabile  poi che si voglia imporre ad un giornalista la correttezza e l’imparzialità, che fanno parte dei suoi fondamentali doveri.  Per questo mi tiro fuori, in campagna elettorale, da interviste e tavole rotonde, continuando solo ad esercitare il mio ruolo di testimone dei fatti che accadranno, seguitando a parlarne cercando di essere sempre attendibile e corretto. Tutto il resto che fa parte di questa assurda par condicio davvero non mi interessa.

Ultimo aggiornamento Giovedì 03 Gennaio 2013 19:03
 

Per poter effettuare un commento è necessario accedere con il proprio nome e password. Grazie

Per esprimere un commento, è sufficiente registrarsi

Password

  • Password dimenticata?
  • Nome utente dimenticato?
  • Registrati
  •  

     


    Hai trovato un tesoro di SiteBooK

    il primato

    Gli articoli pubblicati sono espressioni dei singoli estensori e si declina ogni responsabilità sul loro contenuto. Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica ilprimato@ilprimato.eu
     

    Per ogni visitatore

    viene conteggiato

    solo il primo ingresso

    Locations of visitors to this page

    [Valid RSS]